il mio marchio amico mio
sarà solo polvere dei tristi ricordi di ieri,
lacrime come diamanti neri spremute alle ombre prima dell'alba,
quando le crudeli stanze m'avranno chiuso il cuore come bare
ed il pensiero al volo griderà l'amaro della prigionia dal costato,
il segno di chi sono lo porta chi mi ama,
tacito assenso alla spregiudicatezza di un amore assoluto,
posso essere il male,
un peccato di lussuria,
il nero decadente del muro di pietra su una tomba,
posso essere il lupo solitario nel bosco delle paure umane.
.....tremare deve dell'Inferno i Diavoli perché ciò che rubo a loro ..
..mastico privando di malvagità il senso
e poi ne faccio linfa buona nella vena dell'altra
il mio marchio è una ricerca dell'oltre
stufo solo del bere
del godere del momento
cerco il mio credo nel tuo cuore
dannazione fammi credere in qualcosa
stanco di aspettare quello che non c'è
quello che non esiste
io sono stato creato per darti l'immortalità e non il perdono
io sono stato creato per darmi
sono stanco di cercare
non ho nulla da perdere
fammi diventare l'uno nel tuo prego



Vizualizări: 14

Adaugă un comentariu

Pentru a putea adăuga comentarii trebuie să fii membru în reţeaua literară / la red literaria !

Alătură-te reţelei reţeaua literară / la red literaria

Insignă

Se încarcă...

Fişiere video

  • Adăugare fişiere video
  • Vizualizează Tot

Statistici

Top Poetry Sites

© 2020   Created by Gelu Vlaşin.   Oferit de

Embleme  |  Raportare eroare  |  Termeni de utilizare a serviciilor