Dio non doveva coprirmi il cervello con degli ossi


ogni notte ho vent’anni
fumo di candela colora le mie tempie
e sento il caldo rassicurante della cera sulla mano
che cerca per non cedere a morte uno stampo

c’è un segnale di allerta alla radio
tutti pronti dobbiamo per la fine del mondo fra due anni
cazzo mi dico sono 720 venti giorni di nulla
Ehee la gente si strangola la vita prima di respirare
una donna mi spoglia di tutto l’amore che ho
nel sogni dei sogni dei sogni
non ho più segreti per i diavoli della mente
perché con loro cammina per difesa l’anima al buio
sono nel più incerto periodo dell’esistenza
vestito del comun pudore davanti ai fatti


eppure

perché sarei stato meglio in mezzo al male nudo

Vizualizări: 11

Adaugă un comentariu

Pentru a putea adăuga comentarii trebuie să fii membru în reţeaua literară / la red literaria !

Alătură-te reţelei reţeaua literară / la red literaria

Insignă

Se încarcă...

Fişiere video

  • Adăugare fişiere video
  • Vizualizează Tot

Statistici

Top Poetry Sites

© 2020   Created by Gelu Vlaşin.   Oferit de

Embleme  |  Raportare eroare  |  Termeni de utilizare a serviciilor