tacevo sapendo l’estate alla fine
braccia d’ombra chiamavano i sogni
cloni d’uccelli volavano il cielo
e dai bozzoli di plastica nasceva una vergine

non fiorivano più i gladioli ma pensava al giardino
le sue mani curavano dal lungo inverno la vita
a volte pettinava la nebbia dal nero degli occhi
col solo sorriso di luce

mi portava lontano quando avevo bisogno di fuga
il vento se crescevo di legno e con fronde
era triste vederla annodata a Luna
era triste saperla in un mondo diverso
ogni notte cercavo d’arrivarle ai voli
coi postumi delle scale di pietra
ogni notte vedevo brillarle le ali
ma lei non guardò mai indietro

Vizualizări: 20

Adaugă un comentariu

Pentru a putea adăuga comentarii trebuie să fii membru în reţeaua literară / la red literaria !

Alătură-te reţelei reţeaua literară / la red literaria

Insignă

Se încarcă...

Fişiere video

  • Adăugare fişiere video
  • Vizualizează Tot

Statistici

Top Poetry Sites

© 2020   Created by Gelu Vlaşin.   Oferit de

Embleme  |  Raportare eroare  |  Termeni de utilizare a serviciilor